Benvenuta Msr. Arabel al St. Joseph RSC

Nei giorni in cui una forte pioggia aveva allagato le strade diventate impercorribili e i villaggi degli studenti di St. Joseph RSC erano inondati dal fango, abbiamo ricevuto la telefonata della Sig.ra. Arabel: “Verrò a incontrare gli studenti del vostro F.O.D.E.” E così, con entusiasmo e con l’aiuto di San Giuseppe, la cui festa era proprio il giorno precedente, ci siamo preparati ad accogliere la Sig.ra Arabel, responsabile del F.O.D.E (Flexible Open Distant Education) per la nostra zona, cioè la Central Province.

Gli studenti hanno partecipato numerosi all’incontro che si è rivelato per loro un momento di incoraggiamento a continuare gli studi. “L’educazione è il futuro”: questa frase è stata ripetuta diverse volte durante l’incontro. Gli studenti hanno ascoltato la Sig.ra Arabel con grande attenzione, specialmente quando ha raccontato la storia della sua vita: ultima nata in una famiglia numerosa, femmina, non ha avuto nessun supporto dalla famiglia per la sua educazione. Ma con coraggio e determinazione si è data da fare e, lavorando nelle piantagioni di cacao e organizzando piccoli commerci, è riuscita a laurearsi e ad ottenere anche un Master in Educazione. La sua storia dona speranza ed è un esempio di come si possa assumere la responsabilità della propria educazione, senza lasciarsi sconfiggere dalla pigrizia e dalle difficoltà.
Attraverso un’attività creativa, ha aiutato gli studenti a capire che ciascuno di loro è importante e che crescere nell’autostima li aiuta a riuscire a imparare. Al nostro centro, infatti, vediamo come esperienze passate di fallimento e umiliazione a scuola hanno causato una bassa autostima negli studenti. Le ferite stanno ancora sanguinando ma il dolore è spesso nascosto dietro un muro di orgoglio che fa dire “io so, so già…” e rende l’apprendimento ancora più difficile.
La Sig.ra Arabel ha anche ricordato agli studenti del nostro St. Joseph SRC di essere grati per la possibilità che hanno di studiare con noi: classi, banchi, insegnanti a disposizione, libri e altro materiale… In città, a Port Moresby, gli studenti devono arrangiarsi e studiare a casa. La Sig.ra Arabel ha dimostrato tutto il suo apprezzamento ringraziandoci sentitamente.
Nel pomeriggio poi, quando ha incontrato le sorelle e le insegnanti, abbiamo potuto condividere con lei che per noi l’attività didattica del F.O.D.E. è uno dei rami di un grande albero: la preghiera, il lavoro, la formazione umana e l’amicizia sono gli altri rami. Prendendoci cura dei diversi aspetti di ogni persona possiamo aiutare gli studenti a crescere, non solo accademicamente ma anche come figli di Dio, degni di amore e rispetto.
Abbiamo anche pregato insieme e, anche se apparteniamo a diverse denominazioni, eravamo uniti dal fatto che lavoriamo nella stessa vigna.
Questa visita è stata un momento molto positivo anche per il fatto che abbiamo potuto chiarire i nuovi orientamenti dal F.O.D.E. Central Office e condividere alcuni punti per un servizio migliore: dobbiamo trovare strategie nuove per aiutare gli studenti delle aree più remote che hanno un livello accademico peggiore di quelli che vivono in città.
Ringraziamo il Signore per questa visita, segno di speranza per questi giovani.

Torna su