Quando i bambini parlano con Dio

Ieri, in preparazione per la festa del Corpus Domini, abbiamo proposto ai bambini di quarta, quinta e sesta elementare di partecipare a un momento di adorazione per ringraziare Gesù di questo dono meraviglioso e porre davanti a lui tutte le nostra fatiche.
La preghiera ha riempito tutta la mattinata: tra canti, preghierine scritte da loro e brevi catechesi sull’ importanza di lasciarsi guardare e amare da colui che già sa cosa abbiamo nel cuore.
Spesso preghiamo con i bambini, ma questa è stata un’esperienza nuova: la fede semplice e sincera di questi piccoli ci ha toccato nel profondo.
Sono bambini che soffrono, sono stati abbandonati, hanno perso la mamma o il papà in modo tragico, hanno subito abusi e percosse eppure, davanti a Gesù, hanno saputo adagiare tutto quello che hanno e che sono, senza timore e senza riserve. Che grande lezione di fede… e che momento di grande Grazia! Sì, perchè quando i bambini pregano, il cuore di Dio sembra spalancarsi e proprio lui sembra ascoltarli e consolarli in modo del tutto speciale.

Torna su